[Review] Steeldive SD1970 turtle diver

Radici, collaborazioni e concorrenza: orologeria americana, europea, estremo-orientale, ecc.
zvezda
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 2120
Iscritto il: 9 mag 2015, 22:44
Località: Roma

Re: [Review] Steeldive SD1970 turtle diver

Messaggio da zvezda »

wilcoyote ha scritto: 22 mag 2023, 10:51 Un solo appunto, circa i nomi strampalati. Uno è preso dalla mitologia nordica: Heimdallr è il guardiano del Bifrǫst, o Ponte Arcobaleno, che collega la terra degli dei (Asgard) con quella dei mortali.
Mah, secondo me hanno pescato a caso da wikipedia 'sto figlio di Odino di cui probabile che neanche i Norvegesi si ricordino più, e poi cosa c'entrerebbe lo squaletto del logo lo sanno solo loro.
Riguardo a Rdunae, stando alle informazioni sul loro sito, è l'acronimo di Roma Die Uno Non Aedificata Est. La scelta sarebbe motivata dal fatto che impiegano un sacco di tempo a fare i loro orologi - perché li fanno con cura, non perché sono pelandroni :-D
Per me sono la prova che non basta scomodare i Romani e il Valhalla per tirare fuori un nome convincente. Però capisco che son gusti e a qualcuno potrebbero anche piacere.
Avatar utente
wilcoyote
senior
senior
Messaggi: 3610
Iscritto il: 5 feb 2016, 9:48
Località: Roma

Re: [Review] Steeldive SD1970 turtle diver

Messaggio da wilcoyote »

zvezda ha scritto: 22 mag 2023, 20:41
wilcoyote ha scritto: 22 mag 2023, 10:51 Un solo appunto, circa i nomi strampalati. Uno è preso dalla mitologia nordica: Heimdallr è il guardiano del Bifrǫst, o Ponte Arcobaleno, che collega la terra degli dei (Asgard) con quella dei mortali.
Mah, secondo me hanno pescato a caso da wikipedia 'sto figlio di Odino di cui probabile che neanche i Norvegesi si ricordino più, e poi cosa c'entrerebbe lo squaletto del logo lo sanno solo loro.
Riguardo a Rdunae, stando alle informazioni sul loro sito, è l'acronimo di Roma Die Uno Non Aedificata Est. La scelta sarebbe motivata dal fatto che impiegano un sacco di tempo a fare i loro orologi - perché li fanno con cura, non perché sono pelandroni :-D
Per me sono la prova che non basta scomodare i Romani e il Valhalla per tirare fuori un nome convincente. Però capisco che son gusti e a qualcuno potrebbero anche piacere.
Ne deduco che non hai visto nessun film della Marvel con Thor o con gli Avengers, altro che figlio di Odino dimenticato!!!

Immagine
Avatar utente
Крокодил
advanced user
advanced user
Messaggi: 478
Iscritto il: 12 mag 2015, 12:29

Re: [Review] Steeldive SD1970 turtle diver

Messaggio da Крокодил »

Ne deduco tu fossi fuori Roma quand’è stata fondata…
Avatar utente
Smerdy
user
user
Messaggi: 10
Iscritto il: 7 mag 2016, 13:51

Re: [Review] Steeldive SD1970 turtle diver

Messaggio da Smerdy »

Крокодил ha scritto: 22 mag 2023, 21:00 Ne deduco tu fossi fuori Roma quand’è stata fondata…
NDTUFFRQSF.jpg
NDTUFFRQSF.jpg (68.5 KiB) Visto 557 volte
Avatar utente
mrcorso
advanced user
advanced user
Messaggi: 545
Iscritto il: 21 mar 2023, 14:12
Località: Stezzano (BG)

Re: [Review] Steeldive SD1970 turtle diver

Messaggio da mrcorso »

wilcoyote ha scritto: 22 mag 2023, 19:01
mrcorso ha scritto: 22 mag 2023, 16:47
DaniLao ha scritto: 22 mag 2023, 16:37 Esistono foto dell’unboxing (bucolico e co’ denti) e della versione verde, reperibili qua.

Indubitabilmente si nota anche l’effetto wow ;-)
Fedifrago! M'alimenti la compulsiva voglia d'acquisto! (meno male che no in lista altra roba prima vah...)
C'è anche questo clone verdolino qua :mrgreen:
HAHA! sono immune al subboso stile, mon amì! la mia fregola rimane solo per il tartarugone e non aumenta! :D
--
Francesco
zvezda
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 2120
Iscritto il: 9 mag 2015, 22:44
Località: Roma

Re: [Review] Steeldive SD1970 turtle diver

Messaggio da zvezda »

DaniLao ha scritto: 22 mag 2023, 8:04 Ah, un’altra cosa: lo sai che -a parte i discorzi- senza foto l’orologio non esiste, vero?
Certo, è per questo che ho preparato la...

Parte IV - Steeldive SD1970, Prime Impressioni

E dopo una serie di variazioni sul tema iniziale, eccoci finalmente a parlare dell'eponimo protagonista del topic.
Dicevamo del corredo all'interno della scatola, è innegabilmente tutto molto curato, la sensazione iniziale è davvero piacevole.
11_TheWatch.jpg
11_TheWatch.jpg (150.65 KiB) Visto 495 volte

Tra garanzie, plastiche, manuale di istruzioni, cordini e sigilli, a far bella mostra di sé c'è anche un piccolo spernatore in plastica, a prima vista non particolarmente robusto.
12_Resizer.jpg
12_Resizer.jpg (78.86 KiB) Visto 495 volte

Ed eccolo, il mio Steeldive SD1970 mentre attende morbidamente adagiato in un tentativo di seduzione alla Goya (a proposito di genere, vi ricordo che in molti Paesi tra cui Francia e Inghilterra l'orologio da polso è femmina e poi, davanti a un nuovo arrivo, la mente di un WIS è capace di elaborare le più ardite metafore :grin2: )
13_Maja.jpg
13_Maja.jpg (206.12 KiB) Visto 495 volte


OK, la Maja più famosa non era quella, ma l'orologio non si può certo definire "desnudo". E' avvolto in tanta di quella plastica da minacciare un serio problema di impatto ambientale. Comunque dopo aver rimosso un numero imprecisato di pellicole protettive inizio una sommaria ispezione visiva.
Non andiamo benissimo, le transizioni tra finiture satinate e lucide sono appena sufficienti. Sulla sinistra della cassa vedo qualcosa. Non ci credo, c'è una tacca nel metallo! E' un difetto piccolo, ma è un difetto di fabbrica che non sarebbe dovuto passare inosservato!
14_Dent.jpg
14_Dent.jpg (167.72 KiB) Visto 495 volte


Supero il trauma e proseguo l'ispezione. Le incisioni su fondello e corona sono profonde e nette, sembrano fatte con un laser ad alta potenza. Sono un po' ruvide ma ben fatte.
15_caseback.jpg
15_caseback.jpg (165.88 KiB) Visto 495 volte
16_crown.jpg
16_crown.jpg (81.22 KiB) Visto 495 volte

Il bracciale ha le maglie e i finali pieni con la massiccia chiusura di seconda generazione. Lo trovo un po' leggerino, non mi fa una grande impressione se paragonato con un bracciale Seiko, ma tutto sommato fa il mestiere suo. Le rifiniture dei finali nell'incasso non sono eccellenti, come si vede dalla precedente foto del fondello.
17_Buckle.jpg
17_Buckle.jpg (301.16 KiB) Visto 495 volte

Per evidenti motivi decido di dare una chance allo spernatore, che se la cava egregiamente.
18_Resize.jpg
18_Resize.jpg (136.88 KiB) Visto 495 volte

Il cristallo a filo è piatto, più semplice e meno costoso di un cristallo convesso. Comunque sempre un vetro zaffiro, non è cosa da poco.
Lunetta unidirezionale a 120 scatti molto bella, piacevole sensazione mentre si ruota. Le lunette in alluminio appartengono al passato, ormai le fanno tutti in ceramica. Sono più belle ma montarle è un dramma, si scheggiano al minimo errore.
19_inhand.jpg
19_inhand.jpg (125.29 KiB) Visto 495 volte


Il lume è potente e di grande effetto, lunetta celeste, indici verdi chiari e sfere verdi meno visibili. Effetto wow dirompente, ma le sfere sono la cosa meno luminosa sul quadrante e leggere l'ora la notte è molto complicato.
20_lume.jpg
20_lume.jpg (128.48 KiB) Visto 495 volte

La corona si apre facilmente e gli scatti per la regolazione di ora e data sono sicuri e privi di incertezze. Merito dell'ottimo movimento Seiko NH35 che anima l'orologio, più azzeccato e coerente della versione con il PT5000, clone cinese dell'ETA 2824-2.
In chiusura la corona è un po' difficile da avvitare. Onde evitare problemi, metto sulla filettatura e all'interno del tubetto un po' di Korasilon, un grasso idrorepellente specifico per i diver.
21_Korasilon.jpg
21_Korasilon.jpg (141.38 KiB) Visto 495 volte

Una veloce prova al cronocomparatore evidenzia le eccellenti qualità dell'NH35. Qui appena indossato, praticamente ancora scarico come si vede dalla bassa ampiezza di oscillazione.
23_before.jpg
23_before.jpg (56.03 KiB) Visto 495 volte

E qui invece dopo appena qualche giro di carica (ricordo che l'NH35 è un derivato del 7S26, con fermo macchina e possibilità di carica manuale).
24_after.jpg
24_after.jpg (57.11 KiB) Visto 495 volte

Durante le varie operazioni ho modo di mettere l'orologio sulla bilancia, avverto una piacevole sensazione di peso di cui voglio conferma. Apperò! Quasi un etto di acciaio solo per la testa (97,5 grammi). Il bracciale pesa circa 80 grammi, dunque non riesce a bilanciare completamente il peso della testa, specialmente dopo la rimozione delle maglie per portarlo a misura. Tutto sommato non si può dire che abbiano lesinato sui materiali :-D

Un po' deluso dal bracciale decido di tenerlo comunque su per una settimana, giusto per avere tempo di valutarlo. E' meno peggio di quello che mi sembrava al primo impatto, nonostante lo sbilanciamento dei pesi tenda a far girare la testa verso il basso. Alla fine lo cambio, il mio Bond zulu valorizza molto di più il bel quadrante.
22_Nato.jpg
22_Nato.jpg (237.41 KiB) Visto 495 volte

In definitiva questo Steeldive SD1970 non può dirsi privo di difetti, alcuni evitabili, altri legati alla necessità di contenere il prezzo. Il giudizio complessivo è però assolutamente buono, per questo orologio piacevole da vedere e da indossare. Il prezzo di acquisto (come detto meno di 90 euro) lo rende accessibile e meritevole di una prova a occhi chiusi.
E ora me lo sto gustando alla grande!
:inlove:
Avatar utente
mrcorso
advanced user
advanced user
Messaggi: 545
Iscritto il: 21 mar 2023, 14:12
Località: Stezzano (BG)

Re: [Review] Steeldive SD1970 turtle diver

Messaggio da mrcorso »

Io voto contro il nato (non ce la faccio, li odio) ma mi pare un buon orologio sportivo. Bella presa.
--
Francesco
Avatar utente
DaniLao
moderatore
moderatore
Messaggi: 11348
Iscritto il: 12 mag 2015, 12:27
Località: Nella Piana Campigiana tra Prato e Firenze
Contatta:

Re: [Review] Steeldive SD1970 turtle diver

Messaggio da DaniLao »

Notevole il braccialone che potrai usare per legare la bicicletta ad una sequoia secolare ;-)

Anche io non sono un appassionato di Cinturini Patto di Varsavia, ma perché non ne provi uno con toni d’azzurro che riprendano l’affaccio del lume all‘imbrunire?

A prima vista ho pensato avesse una sfera delle ore troppo corra per i miei gusti, ma probabilmente era l’angolazione della foto: mi pare sfiori la finestra della data e gli indici più grandi abbastanza garbatamente, lo confermi?

La tacca nella cassa è una caduta di stile.
Però se l’hai preso su Aliexpress proverei a contestarlo. Il difetto c’è e potrebbero riconoscerti qualche euro (o decina) come atto di contrizione parziale nei confronti dal disagio da te indubitabilmente vissuto.
Ovviamente rimandarlo indietro non ha senso.

Belle le foto -finalmente!- ma manca quella dell’effetto wow

;-)
Quaestio subtilissima, utrum Chimera in vacuo bombinans possit comedere secundus intentiones, et fuit debatuta per decem hebdomadas in concilio Constantiensi
Avatar utente
Narodav
user
user
Messaggi: 157
Iscritto il: 29 nov 2020, 14:18
Località: Paesi Bassi

Re: [Review] Steeldive SD1970 turtle diver

Messaggio da Narodav »

zvezda ha scritto: 29 mag 2023, 0:15
Una veloce prova al cronocomparatore evidenzia le eccellenti qualità dell'NH35. Qui appena indossato, praticamente ancora scarico come si vede dalla bassa ampiezza di oscillazione.
23_before.jpg
Scusate se vado fuori tema, mi pare di riconoscere nella schermata l'applicazione TG. Posso chiedere con quale microfono la utilizzi?
Edit - ottimo il suggerimento del grasso per la corona.
Recentemente, per una corona lasca ho optato per il metal lock della Bison.
Soluzione probabilmente non ottimale, ma disponibile dal ferramenta di quartiere.
აი ია - Voila, a violet
zvezda
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 2120
Iscritto il: 9 mag 2015, 22:44
Località: Roma

Re: [Review] Steeldive SD1970 turtle diver

Messaggio da zvezda »

Narodav ha scritto: 31 mag 2023, 15:36 Scusate se vado fuori tema, mi pare di riconoscere nella schermata l'applicazione TG. Posso chiedere con quale microfono la utilizzi?
E perché mai fuori tema? Personalmente uso questo "oicchellé" portatile o cose simili.
Narodav ha scritto: 31 mag 2023, 15:36 Edit - ottimo il suggerimento del grasso per la corona.
Recentemente, per una corona lasca ho optato per il metal lock della Bison.
Soluzione probabilmente non ottimale, ma disponibile dal ferramenta di quartiere.
Più che non ottimale è fortemente sconsigliabile. Mettere un frenafiletti (cioè un adesivo anaerobico) sulla corona significa creare un serio problema di residui di colla e distruggere le guarnizioni. Però se sta bene a te...
Rispondi