The Missing Planet - Visioni e revisioni dei "tempi sovietici"

Svago, allegria, ricette e tutto ciò che non rientra nelle altre categorie
Rispondi
Avatar utente
DaniLao
moderatore
moderatore
Messaggi: 7092
Iscritto il: 12 mag 2015, 12:27
Località: Nella Piana Campigiana tra Prato e Firenze
Contatta:

The Missing Planet - Visioni e revisioni dei "tempi sovietici"

Messaggio da DaniLao » 6 nov 2019, 11:04


Cari Soci vicini (geograficamente che per il resto vi ho quasi tutti nel cuore) e lontani, vi voglio notificare su come al Centro Pecci di Prato aprirà l’8 novembre la mostra ”The Missing Planet - Visioni e revisioni dei "tempi sovietici" dalle collezioni del Centro Pecci ed altre raccolte”.

Adjustments.jpg
Adjustments.jpg (268.64 KiB) Visto 35 volte
L’evento sarà visitabile fino al 3 maggio 2020, se ce la farete a programmare una visita vi aspetto volentieri, altrimenti -se troverò il tempo di infilarmici- vi dirò come la trovo.

Cito dalla presentazione che potrete leggere qua https://www.centropecci.it/it/mostre/the-missing-planet

”The Missing Planet apre un nuovo programma di mostre, ideato dalla direttrice Cristiana Perrella e dedicato ad approfondire temi, periodi e linguaggi della collezione del Centro Pecci, affidandone la cura ad un esperto invitato come guest curator e affiancato dal responsabile delle collezioni e archivi Stefano Pezzato.

La cura di questa prima mostra è affidata a Marco Scotini che ha integrato decine di opere della collezione del Centro Pecci con altre provenienti da importanti collezioni e istituzioni italiane e internazionali, per comporre una 'galassia' delle principali ricerche artistiche sviluppate nelle ex repubbliche sovietiche tra gli anni Settanta e oggi: dalla Russia alle province baltiche, caucasiche e centro-asiatiche. Il progetto originale dell’allestimento è dell’artista Can Altay. La mostra sarà accompagnata da un calendario speciale di eventi, curato da Camilla Mozzato, e un programma di cinema, curato da Luca Barni.

A trent'anni dalla caduta del muro di Berlino e dalla successiva dissoluzione dell’URSS, non si può evitare la domanda su come sia cambiato il mondo in questi decenni, privato della radicale alternativa che rappresentò per Settant'anni il Paese dei Soviet. Quello che allora doveva apparire come un nuovo inizio, di fatto, di nuovo aveva ben poco nei suoi obiettivi: si trattò della negazione del cosiddetto Est (dei suoi valori) in favore di un’affermazione (espansione) dell’Ovest che, da quel momento, si sarebbe rivelato onnipresente e onnipotente. Che senso ha ritornare al Pianeta Rosso in un momento in cui le "stelle" del capitalismo sono libere di muoversi lungo le proprie orbite, senza più pressioni o attriti con corpi "alieni"?

Trent'anni sono passati anche dalla prima mostrache il Centro Pecci dedicò, tempestivamente e pionieristicamente, alla scena artistica non-ufficiale sovietica, sull'onda della Perestrojka. Nella primavera del 1990, Artisti Russi Contemporanei, a cura di Amnon Barzel e Claudia Jolles, testimoniò l’euforia del momento e, contemporaneamente e contraddittoriamente, la nascita di un sentimento di timore verso il futuro.
A questa prima mostra, il Centro Pecci ne fece seguire un'altra, altrettanto importante: Progressive Nostalgia, a cura di Viktor Misiano. Una mostra che testimoniò la disillusione dello spazio post-sovietico di fronte ai processi di transizione e integrazione in Occidente, la crisi del capitalismo finanziario, dello smantellamento dei diritti sociali e della svolta autoritaria del liberismo, rimettendo totalmente in discussione l’ottimismo iniziale e registrando lo sconforto di fronte al fallimento del presente.

The Missing Planet si propone oggi come attuale e ultimo capitolo dell'ideale trilogia post-sovietica al Centro Pecci e non potrà che confrontarsi con un duplice passato: quello dell’utopia da un lato e quello della memoria dall'altro, a partire da opere delle due esposizioni precedenti. Se Artisti Russi Contemporanei ha testimoniato la svolta mancata, con l'apertura a Est, e Progressive Nostalgia ha evocato la storia perduta, mettendo in scena una sorta di lutto o commiato, la nuova mostra propone un approccio archeologico dove fantasmi e realtà cercano di fare i conti con le "rovine del futuro". L’intento è quello di agire sul tempo, ma anche "contro" di esso, in favore di un tempo che deve ancora accadere. Per questo, tra metafora e realtà, la mostra propone un immaginario cosmico e utopistico che ha accompagnato l'epopea dell’Unione Sovietica, trasformando lo spazio espositivo del museo in uno Space Shuttle, dentro al quale Solaris di Andrei Tarkovskij incontra Kunst camera di Sergei Volkov come pure Once in the XX Century di Deimantas Narkevicius.”



https://www.centropecci.it/it/mostre/the-missing-planet
Quaestio subtilissima, utrum Chimera in vacuo bombinans possit comedere secundus intentiones, et fuit debatuta per decem hebdomadas in concilio Constantiensi

Avatar utente
ale9191
senior
senior
Messaggi: 1265
Iscritto il: 20 dic 2017, 21:06
Località: Firenze

Re: The Missing Planet - Visioni e revisioni dei "tempi sovietici" dalle

Messaggio da ale9191 » 6 nov 2019, 11:15

Non conoscevo questa mostra, ci andrò sicuramente.

Avatar utente
DaniLao
moderatore
moderatore
Messaggi: 7092
Iscritto il: 12 mag 2015, 12:27
Località: Nella Piana Campigiana tra Prato e Firenze
Contatta:

Re: The Missing Planet - Visioni e revisioni dei "tempi sovietici" dalle

Messaggio da DaniLao » 6 nov 2019, 13:05

Eh, magari se decidi con anticipo butta un messaggio che invadiamo di orologi russi anche gli spazi artistici
Quaestio subtilissima, utrum Chimera in vacuo bombinans possit comedere secundus intentiones, et fuit debatuta per decem hebdomadas in concilio Constantiensi

Rispondi